Questo sito web utilizza i cookies per fini statistici ed informativi, senza raccogliere dati personali. Consulta la sezione Privacy per approfondimenti.

Stampa

La Curcuma Longa L., erba perenne è ben utilizzata per le sue proprietà carminative e antispastiche. L’attività coleretica colagoga, carminativa e antispastica sono ben documentate e sembrano dovute agli oli essenziali presenti nella curcuma e non dalla cumarina perché quest’ultima è difficilmente assorbita in seguito alla somministrazione orale.

La curcumina esplica importante azione antinfiammatoria  (Riduce la sintesi degli eicosanoidi pro-infiammatori grazie all’inibizione della cicloossigenasi 2 (cox2) e lipossigenasi , gli enzimi che sintetizzano prostaglandine e trombossano , mediatori chimici dei processi infiammatori ). Dobbiamo annotare che l’’infiammazione cronica è anche alla base di molti processi tumorali.

Il problema di laboratorio riguardo la curcumina è che ha una scarsa biodisponibilità: dopo la somministrazione orale la concentrazione della curcumina nel sangue è estremamente bassa. Questo perché la curcumina assorbita nell’intestino viene rapidamente metabolizzata prevalentemente nel fegato, e poi eliminata con la bile, solo una piccola parte viene immessa nel circolo ematico.

Per migliorare l’ assorbimento della curcuma si può ricorrere all’aggiunta di piperina, che sembra rallenti il metabolismo della curcumina al livello epatico. O anche ricorrere alla formulazione di complessi fosfolipidi (con lecitina) che hanno dimostrato di incrementare notevolmente l’assorbimento e le concentrazioni plasmatiche di questa sostanza

Le Controindicazioni sono: ostruzione biliare, nei casi di calcoli biliari la curcuma deve essere utilizzata sotto supervisione medica.

La posologia, secondo la Commissione E tedesca è di una dose giornaliera di 1,5-3 g . Per la curcumina fosfolipide la posologia e intorno a 500 mg al di

La Curcuma Longa appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, che raggiunge un’altezza massima di circa un metro. E’ originaria dell’Asia, in particolare di India e Pakistan. La droga è costituita dai rizomi primari ovali e i rizomi secondari allungati. I principi attivi sono costituiti in prevalenza da curcuminoidi, il principale dei quali è la curcumina, e un olio essenziale ricco di sesquiterpeni monociclici (turmeroni) della curcuma