Questo sito web utilizza i cookies per fini statistici ed informativi, senza raccogliere dati personali. Consulta la sezione Privacy per approfondimenti.

Stampa


La magia è bella già di per sé e lo è ancora di più se è vista da chi pensa al cielo e alla terra come bellezza del mondo. Può essere un amore tra una ragazza e un ragazzo, Erica e Giovanni, della Sicilia, insieme per andare al mare da soli per tre mesi. Tre mesi da soli con l’amore che li lega è come una magia, un sogno che immagina una farfalla e una coccinella.
Questa è la magia che vogliono vivere al mare due ragazzi, bella come il loro amore, la pioggia che scende dal cielo. Il luogo era bello, la spiaggia di Napoli era stupenda, se stavano sotto l’ombrellone il mare era cristallino e azzurro. Non avevano bambini perché erano giovani e volevano rilassarsi, per le vacanza speravano di incontrare più di qualche persona e chiamavano gli amici di scuola per salutarli.

Lei amava vedere le conchiglie e le prendevano per mano. Lui preferiva osservarle perché prese dalla sua fidanzata. Lui quando provava dentro di sé sensazioni forti le dava un bacetto. La mattina si alzavano presto e si recavano in spiaggia. Il mare a volte da forza e tranquillità.
Erica aveva 20 anni e Giovanni 26 anni e si divertivano molto. Quello del mare era un divertimento che sembrava infinito. Il mare a volte era calmo e freddo, a volte mosso e calmo. Loro si baciavano sotto il sole e si prendevano il gelato e la granita, e poi correvano insieme per la città. Una sera lei stava per cadere, lui allungò una mano e la trattenne. Quando il cielo non nuvoloso era stellato e il giorno di San Lorenzo il loro desiderio più bello veniva espresso per il loro amore immenso.
Dopo tanto divertimento la sera tornavano all’Hotel per passare un po’ di tempo in terrazza. Dopo aver condiviso piccole e grandi idee si chiudevano in stanza per la notte. Si spogliarono per la doccia e dormirono tranquillamente. La mattina andarono a consumare un caffè, incontrarono un ragazzo a loro sconosciuto che però gli propose una partitina con un gruppo di amici davanti al bar e vinse la squadra non avversaria, ma quella di Erica e Giovanni.
C’era un panorama, visto dall’alto piaceva molto, era bellissimo che si vedeva il mare da lontano dove più chiaro e dove più scuro. E questi due ragazzi stettero moto tempo a vedere il panorama e tutto quello che si trovava intorno a loro. Pensavano a tante cose molto belle, c’era tutto, non mancava niente. Il cielo era blu e risplendeva ul mare e loro erano molto innamorati. Tutti e due.
Erica, Giovanni, si erano fermati per vedere il mare che brillava al sole e rifletteva sul mare. Il panorama era ricco di verde, le montagne che si trovavano su di loro erano molto alte, le cime. Erano felici e innamorati, guardarono il mare che era pieno di conchiglie colorate. II mare era calmo e già rispendevano le stelle. Erica e Giovanni respiravano l’aria del mare tranquillamente. Sulla riva del mare le alghe verdi abbelliscono il mare. Giovanni ed Erica le ammiravano, tutti e due, e vedevano volare i gabbiani e al tramonto il sole che c’era in fondo al mare.
Erica e Giovanni si sedettero vicino al mare a farsi le coccole e guardarono il cielo stellato, tante stelle su in cielo che brillano sul mare. Si addormentarono vicini. Le barche trasportavano le persone sul mare per sapere tante notizie dal mare. A Erica e Giovanni piacerebbe questa avventura sul mare. La magia è bella già di per sé e lo è ancora di più se è vista da chi pensa al cielo e alla terra e al mare come bellezza del mondo, come un sogno che immagina una farfalla e una coccinella, insieme.

.

BOB 43 Gli scrittori sono Matti

BOB 42 La magia è bella dipersé

BOB 41 Il profumo della neve

BOB 40 La Verità di Rocco

BOB 39 Il Cielo nella Tua pancia