Il Cantiere della Salute sta elaborando un progetto denominato “Applicazione del TaiJiQuan nella Sclerosi Multipla” che si rivolge al  paziente S.M. per la partecipazione ad una seduta settimanale di 90 minuti in un corso di TaiJiQuan della durata di 3 mesi. L’idea è di realizzare uno studio che abbia valenza clinica per valutare l’efficacia di un’arte di consapevolezza (mildfulness) sulla base delle sperimentazioni condotte in USA e in Germania. La nostra intenzione, in quanto Associazione Onlus, è fornire un servizio completamente gratuito agli esenti 046, 038, 044, con copertura assicurativa e supporto tecnico del Asi Coni settore DBN DOS.

Il progetto è condotto dal “Il Cantiere della Salute” in qualità di Scuola di Formazione accreditata CONI, in collaborazione con la Farmacia Olistica Cataldi Carcano di Fiuggi, il Centro Diurno “La Bussola” di Ferentino, l’Ass. GlobalArt musicartetrapia di Raimondo Pisano,, l’Hotel Touring di Aldo Sperati e lo Studio Medico Dottor Vito Grazioli. Sarà coordinato da “i farmalibri”, www.farmalibri.it, Fiuggi. Si richiederà patrocinio all’AISM e al Comune di Fiuggi, Ass.Servizi Sociali.
Nella speranza di una nostra prossima collaborazione porgiamo

PREMESSA
L’articolo 1 della legge 833/1978 sancisce che il ruolo prioritario dell’operatore sanitario è “la promozione di una moderna coscienza sanitaria tramite una corretta Educazione alla Salute”. Seguendo tale indicazione, dal 1978 al 1983, abbiamo condotto una ricerca sulla “Educazione Sanitaria in farmacia” (Premio Nazionale 1985), nel 2001 fondato il gruppo di studio denominato “i farmalibri”, e nel 2007 L’Associazione Il Cantiere della Salute divenuta nel 2012 Scuola di Formazione Accreditata ASI CONI. [All.1].
Da tre anni operiamo come volontari presso il Centro Diurno “La Bussola” di Ferentino e pubblicato “Via Casilina 3620” interamente scritto e redatto dagli “Autori Vari e mezzi matti”. [Alleghiamo]. Grazie al loro stimolo e collaborazione abbiamo strutturato Esercizi di Salute semplici e divertenti condensati in una pratica denominata 3MinAlDì. ”. [Alleghiamo]. presentata all’ASL FR con un progetto sul rapporto tra Tai Ji Quan e Disagio mentale.
Nel frattempo, durante i nostri corsi, discenti affetti da Sclerosi Multipla hanno riferito benefici significativi solo dopo due mesi di pratica. Questo ci ha indotti a studiare un progetto al riguardo e alla scoperta che nell’Alta Ciociaria risulta una prevalenza di SM superiore alla norma. [All.2]. Da qui l’idea di un progetto che rapporti la Sclerosi Multipla ad una Pratica di Consapevolezza (il TaiJiQuan pratica medica antica di millenni) che prevede 90 minuti di attività alla settimana per 3 mesi. L’intervento sarà eseguito rispettando i parametri già descritti in letteratura. Per questo è necessaria la collaborazione del Neurologo curante, affinché valuti gli effetti della pratica, prima, durante e dopo il periodo di studio. [All.3]

Bibliografia
Dalla bibliografia allegata riguardo esperimenti condotti negli Usa e in Germania, si deduce che “una pratica di Salute che induce la Consapevolezza (Midfulness) porta a sostanziali benefici nei malati di Sclerosi Multipla”. Essa determina un migliore rapporto salute/malattia. Importante è quindi valutare gli eventuali progressi del paziente sia dal lato neurologico, che organico-posturale e psicologico. Nella SM la pratica del Tai Ji Quan ha dimostrato principalmente effetti positivi sull’equilibrio, nonché nella riduzione di ansia e depressione ad essa associate.
In uno studio di riferimento, pubblicato su BMC Neurol [All.3] sono stati coinvolti complessivamente 32 pazienti SM, di cui 15 hanno preso parte a sei mesi di programma di TaiJiQuan. Hanno partecipato ad un corso della durata di 90 minuti con frequenza settimanale, mentre altri 17 rappresentavano gruppo di controllo non avendo partecipato a nessuna pratica. Per poter partecipare le persone dovevano essere in grado di camminare senza un ausilio, avere un punteggio EDSS inferiore a 5 e non aver avuto una ricaduta di SM per quattro settimane prima dell'inizio dello studio. Tutti i partecipanti hanno preso parte ad una serie di valutazioni, prima e dopo il periodo di studio iniziale di 6 mesi, che comprendono lo studio dell'equilibrio, stanchezza, depressione e qualità della vita.

Il Neurologo
Il Neurologo curante dovrebbe indicare un numero di soggetti che rispondono ai parametri stabiliti e proporre loro la partecipazione al progetto. Si forma allora un primo gruppo di Pratica (da 6 a 12 persone circa) mentre un altro gruppo non segue alcuna attività. La valutazione del Neurologo si effettuerà prima e dopo la pratica (con il classico controllo mensile)-.
Valutazioni indicative saranno prodotte anche da uno Psicologo (Dott. Mario Morriconi dirigente del CSM di Ferentino) e dagli stessi istruttori TaiJiQuan riguardo il miglioramento nelle abilità, nell’equilibrio e nella coordinazione.

Il Metodo
Il TaiJiQuan non richiede forza per la sua applicazione. Il suo primo obiettivo è ottenere “la massima efficacia con il minimo sforzo”: Può essere effettuato da tutti e in ogni età, singolarmente o in gruppo. Pur esistendo diverse forme di TaiJi, le basi fondamentali che verranno utilizzate nel progetto sono i principi fondamentali del Nei Gong (lavoro interno) come riconosciuti dal Ministero della Salute di Pechino. Si insegnerà la forma 10 stile Yang attraverso i movimenti del Nei Gong che possono essere appresi facilmente un po’ alla volta e poi combinati insieme per creare una sequenza fluida e circolare.

La prima componente del modulo è l’apprendimento propiocettivo, nella stimolazione dei Mirror Neurons, nella imitazione dei movimenti del docente e degli operatori. La seconda componente implica il mantenimento di un atteggiamento aperto, amichevole verso se stessi e gli altri, nel rispetto dei propri limiti e delle proprie abilità, La terza componente è la ripetizione in casa di un solo esercizio per 3 minuti al giorno (“3MinAlDì”). Tale approccio consente di “resettare il sistema” e interiorizzare i benefici della pratica.
Per tutto il periodo di intervento di tre mesi, avranno luogo sedute settimanali di 90 minuti aumentando man mano il numero di ripetizioni della forma. In caso di stanchezza verrà consigliato di non forzare mai, di riposare e seguire attentamente e concentrati l’esercizio che si sta svolgendo. Questo ‘trucco’ porterà ad una consapevolezza calcolata dell’80%.

Lo scopo ultimo è realizzare uno studio di tipo longitudinale prospettico di 3 mesi. Si propone quindi un trial sulla qualità della vita (trial supportive care) nel quale saranno i pazienti stessi a decidere se essere praticanti o meno, dal momento che risulta Indispensabile la volontà di partecipazione e la capacità di attenzione del malato durante la pratica. Non sarà possibile perciò condurre lo studio in cieco rispetto al paziente, mentre, si potrebbe valutare la possibilità che il neurologo non sappia chi sta praticando e chi no. Per pianificare lo studio ci rifaremo alle Raccomandazioni internazionali evidenziate dall’acronimo EPIC (Evidence - Population- Intervention – Comparison).

“Il Cantiere della Salute”

 

Sclerosi multipla e TaiJi Gong

Sclerosi Multipla, Mindfulness

Uno studio su Sclerosi multipla e Tai Ji