Ho letto che tra tutte le leggi dell’Universo quelle che riguardano l’Uomo sono due: gravità ed elettromagnetismo. Come si dire: piedi a terra e testa tra le nuvole.

"Ciò che è vero nel particolare è vero nell’universale", Basta studiare il semplice movimento di una trottola.

E qui il signor Kafka parte alla grande:   LA TROTTOLA di KAFKA:

 

Un filosofo girovagava sempre là dove giocavano i bambini. E quando vedeva un fanciullo con una trottola subito si appostava. Non appena la trottola cominciava a girare, il filosofo la inseguiva per prenderla. Non si preoccupava che i bambini facessero chiasso e cercassero di allontanarlo dal loro giocattolo, se riusciva ad afferrare la trottola mentre ancora girava, era felice, ma solo per un attimo, poi la gettava a terra e andava via. Egli credeva che la conoscenza di ogni piccola cosa, quindi ad esempio anche di una trottola che gira, fosse sufficiente per la conoscenza dell’universale. Per questo non si interessava dei grandi problemi, gli sembrava antieconomico. Chi conosce realmente la più piccola cosa, conosce tutto. Perciò si interessava soltanto della trottola che gira. E ogni volta che venivano fatti i preparativi per far girare la trottola, aveva la speranza di riuscire e, quando la trottola girava, nella corsa affannosa la speranza in lui diveniva certezza, ma poi, quando teneva nelle mani quello stupido pezzo di legno, stava male e le grida dei bambini, che fino ad allora non aveva sentito e che ora all’improvviso gli giungevano alle orecchie, lo scacciavano, ed egli barcollava come una trottola che barcolla per un avvio maldestro.

Franz Kafka

 

 

Tra i correlati 3 racconti degli ospiti del CSM la Bussola che potremmo dire ripercorrere il tema

Questa è la verità

La Storia del Sonnambulo

Il cerchio di Ernesto

racconti pubblicati in 

Via Casilina 3620

Per la situazione teorica si può consigliare

La Filosofia di Salute