L'Artista il Bambino la Scienza

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva


"3 minuti al giorno di movimento consapevole è di fatto un farmaco." Questo rilevano molti studi clinici sull'argomento. Allora nel nostro Mortaio  abbiamo miscelato Le Arti interne di Medicina Tradizionale Cinese, le attività di Arte-Terapia occidentale e un po' di Medicina Ippocratica q.b. a 100. (Il tutto nell'attuazione del dettato della legge 833/78 e della Cata di Ottawa OMS 1986). Abbiamo quindi 'sintetizzato' un farmaco di nuova e antica generazione, unico nel suo genere, efficace all'80%, senza controindicazioni ed effetti collaterali, Ecco i Riti di Salute.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rassegna bibliografica su "Il Tai Ji Quan come pratica di Arteterapia nei disagi psico-motori-relazionali e nelle patologie neuro-degeneralive".
Riportiamo la bibliografia relativa ad una Revisione sistematica dei trial relativi all'applicazione del Tai Ji Quan in arte-terapia.
La rassegna ragionata è disponibile su richiesta a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Con questa “Rassegna Bibliografica” si tenta di valutare le applicazioni del Tai Ji Quan – (Nei Gong) – Qi Gong nel campo arteterapeutico nei casi di disagio motorio psico-fisico-relazionale e nelle patologie neurodegenerative. Si osservano enormi potenzialità e prospettive della pratica,

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva


Come fa l'uomo ad essere parte di un tutto, ad essere costantemente interconnesso con se stesso e con tutto l'universo. Che cosa ci dice la scienza?

L'immagine di una estesa ragnatela è una metafora meravigliosa e chiarificatrice. Immaginate un ragno che ha lavorato alla sua rete estendendola in tutta la stanza. Lui se ne sta tranquillo da una parte, nascosto. Quando una mosca o un moscerino si impiglia nella rete la fa vibrare. Così il ragno ha le giuste informazioni e il suo navigatore satellitare gli indica la direzione per dirigersi verso la preda. Povero moscerino! 
Il problema grave, per quel che ci riguarda, è che noi non siamo il ragno, ma il moscerino.
La cosa meravigliosa è che il ragno tesse la tela senza sapere cosa siano le mosche.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Governare lo Stress. Emilio Gadda consigliava di chiudersi in camera e ripetere più volte (respirando profondamente) la parola "Io": «Io io io io io i o i o i o...» "Finché vi sembrerà il raglio di un asino, per quello che siete".

Come governare il maggiore nemico: lo STRESS, soprattutto in questo periodo di grande crisi globale? Ecco cosa ci dice la Scienza: "Sarà una risata che lo seppellirà".

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva


Penso che il farmacista abbia un'abilità unica e sempre più preziosa: il mortaio.

In fondo lui deve sapere di tutto, di chimica, ma non è un chimico, di fisica e non è un fisico, tantomeno un biologo, un medico, un imprenditore, un comunicatore, un filosofo. Può anche specializzarsi su un particolare farmaco, ce ne sono a bizzeffe, ma deve comunque tener presente tutte le risorse terapeutiche che possono aiutare una persona a stare in salute. E deve stare lì, a livello marciapiede, senza necessari appuntamenti, a disposizione di persone diverse l'una dall'altra.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva


Ottime notizie per tutti i batteristi (e penso a tutti quelli che tra danza e musica giocano con il ritmo). Un recente studio pubblicato su Brain and Behavior*  dimostra una struttura cerebrale, meno fibre ma più spesse.

Dunque: 24 soggetti facevano parte di un gruppo di suonatori (10 ore a settimana) e 24 di non suonatori. Analizzati attraverso tecniche specifiche, i risultati sono entusiasmanti (per i batteristi, ma immaginate i neuroni di Stingche si prestò ad una ricerca 'suono/cervello').

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva



Caro bambino, caro genitore,
grazie per la fiducia dimostrataci e nell’aver questo scelto gioco 
Perché è importante giocare?
Il gioco non è un passatempo, è un lavoro, un’attività principale poiché attraverso questo il bambino impara e quindi, giocando, cresce.

Giocate con loro, non lasciateli soli con un videogioco.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva


Caro Daniele, perché trumpete, perché “réjouissance”
Per me la creazione poetica ed artistica più in generale ha a che fare con il piacere: il poiein greco è imprescindibile da un godimento dell’animo. Ecco perché la poesia che tu hai scelto reca la parola “réjouissance” dopo i due trumpete di chiara origine onomatopeica e marziale.

Uomo pensante o animale istintivo? Poeta pensante o Poeta istintivo? Come intendi tu il discorso dell’istinto umano che spinge alla creazione artistica e, nel tuo specifico, poetica?
Io non parlerei tanto d’istinto.