Home

Dal 3 novembreSperimentango”, Tango Arte e Terapia. Ogni giovedì, dalle ore 18.30 alle 20.00 presso MusicApolis di Alatri, laboratorio di arte tango terapia diretto dalla dott.sa Chiara Camperi. Aperto a tutti. Il corso avrà una durata complessiva di 3 mesi.

 “Perché per migliorare il proprio benessere personale occorre sudare sette camicie?” Lo star bene, morbido e rilassato, inizia da subito, dal primo passo. Ma anche la ricerca del benessere , come ogni arte, ha le sue regole e i suoi trucchi. Le arti terapie per prima cosa tendono al relax e alla minima fatica possibile, alla precisione e al rilassamento


Il Tango, il Tai Ji e l’Artiterapia

Ho letto un interessante articolo di Maria Laura Giovannini  sul rapporto tra Tango e Terapia. Titolo: “Gli 8 perché (il tango) è efficace quanto la psicoanalisi”.  Un buon lavoro, ha perfettamente messo a fuoco punti fondamentali alla pratica. Purtroppo nel titolo ci sono due elementi che possono creare confusione. Mi preme ora sottolineare l’importanza dei punti indicati da Maria Laura, e anche escludere due distorsioni che toglierebbero all’arteterapia la sua funzione primaria.


Questo è il Menu del Cantiere al Centro “La Bussola” di Ferentino. I nostri amici vari e mezzi matti, invitati a ricordare i giochi più belli realizzati nei nostri incontri, hanno lanciato l’idea: “Scriviamoli”. Così abbiamo fatto un manifesto, che si è rivelato ausilio utilissimo alla pratica. Ogni mercoledì mattina infatti ci si avvicina al manifesto e si scelgono, più o meno democraticamente, tre ‘piatti’. Al maestro spetta stabilire la sequenza. Si fa il saluto e si comincia, convinti tutti che quel che si sta facendo è scelto direttamente dallo studente.


Sarei voluto andare a salutarlo, per dirgli: “Caro Dario, solo ora ci rendiamo veramente conto di come tu sia stato un nostro Maestro, un Grande Maestro di Giocosa Arte.” Gli avrei raccontato che la nostra associazione “Giocosa Arte” nacque nel 1983, ma che solo oggi abbiamo capito come l’insegnamento del premio Nobel Dario Fo ha influito sulla ricerca che stiamo perseguendo da anni: “Il rapporto educativo con la Salute, la Malattia, il Dolore, la Morte.”

Durante il suo funerale sono accadute tre cose che sono insegnamenti fondamentali per chi si occupa di Educazione alla Salute. Il primo è in quel che ha dichiarato suo figlio Jacopo:

 

Cari amici di CantiereSalute,

i nostri incontri di “Tai Ji Quan e Movimento Creativo” riprendono martedì 20 settembre, sempre all'Hotel Touring, sempre dalle 21.15 alle 22.45, sempre tutti insieme.
Quest’anno l’incontro che abbiamo avuto a giugno con il Maestro Delio Murru ci induce a migliorare ancor di più la nostra pratica, perché Delio ci ha indicato un orizzonte del TaiJi.  In pratica ci ha detto come si fa una postura di guardia, come cioè si realizza un Punto Zero di armonia e gioia.

Quest’anno quindi faremo le stesse cose: Nei Gong, Qi Cong, forma 8 Yang, forma 108 Yang, seguendo la didattica NeiDanSchool di Flavio Daniele, e con i giochi, le filastrocche, le danze, che sperimentiamo insieme agli amici della Bussola.

 

Le pratiche di consapevolezza nelle patologie cronicizzanti
Perché la proposta di un Open Week Salute in farmacia insieme a psicologi, artisti e istruttori di TaiJiQuan

La conclusione a cui siano giunti, nelle varie esperienze che evitiamo di raccontare in questa sede, è in verità assai semplice: “Medicina Psicologia e Arte camminano insieme sulla strada della terapia.” Non vogliamo nemmeno dilungarci sul concetto di Salute in quanto “Dinamico Equilibrio Mente-Corpo-Energia” (concetto condiviso da tutte le più antiche Pratiche di Salute e dal 1948 anche dalla OMS, dal 1978 dalla legislazione italiana). Vorremmo invece raccontare il perché ci siamo trovati a proporre l’Open Week Salute in una Farmacia Olistica.