Purtroppo, nel caso in cui i vasi sanguigni sono ostruiti per varie ragioni, questi non riuscirebbero a sostenere il trasporto di tutte le sostanze necessarie portando a gravi conseguenze. Una cellula privata d'ossigeno o di sostanze nutritive, per esempio, ha breve durata ed inesorabilmente andrebbe a morire.

Per impedire l'insorgenza di malattie cardiovascolari o per mantenere una funzionalità ottimale è chiaramente prioritario conservare o ripristinare una buona circolazione sanguigna. Come.

Prima di tutto un'alimentazione corretta diminuendo nel proprio schema alimentare i grassi saturi ed il colesterolo contenuti in alcuni formaggi (prevalentemente quelli stagionati), nelle uova, negli insaccati e salumi o nelle carni particolarmente grasse.

Diminuire  l'introduzione di zuccheri semplici come il classico zucchero da cucina, i dolciumi, la cioccolata, il miele o marmellate di vario tipo.
Si predilige quindi il consumo di grassi vegetali contenuti negli oli poiché sono ricchi di omega tre e omega sei. E' preferibile scegliere i carboidrati complessi contenuti nel pane, nella pasta, nel riso ecc..  Fattore importante è incrementare le quantità di fibra introdotte con l'alimentazione.
La fibra è sicuramente molto utile per disintossicare l'organismo e ridurre l'assorbimento dei grassi. La fibra è in quantità elevate nella verdura e nella frutta.

La frutta è costituita da una buona dose di zuccheri semplici, quindi occorre fare attenzione ad assumerne una quantità equilibrata.  Perciò è bene valutare la quantità della frutta assieme all'esperto di alimentazione per non ottenere l'effetto contrario a quello desiderato.

Vi sono alimenti che influiscono con effetti benefici sull'aterosclerosi, una delle malattie cardiovascolari responsabili dell'infarto, essendo una condizione che troppo spesso lo precede.
L'aterosclerosi è una malattia che colpisce le arterie di medio e grosso calibro e che va ad intasare i vasi sanguigni, facendo diminuire il flusso di sangue che può passare. Quando la placca diviene più ampia va ad ostruire il vaso sanguigno completamente, occludendolo e generando così l'infarto.
La placca aterosclerotica è costituita da un centro lipidico di LDL, il colesterolo comunemente ed erroneamente chiamato "colesterolo cattivo". L'HDL invece, il "colesterolo buono", avendo un ruolo antagonista all'LDL agisce sulla placca al fine di distruggerla. L'HDL è contenuto in alimenti come il vino rosso, per cui molti cardiologi a coloro già abituati a bere del vino, consigliano quello rosso ed in piccole quantità, poiché agisce come protettore cardiovascolare.

Come si può comprendere da quanto sopra, l'alimentazione è importante per allontanare il rischio in modo preventivo e per tamponare situazioni che potrebbero degenerare in fretta, tuttavia, non è l'unica via da seguire.
E' fondamentale che si segua una terapia farmacologica specifica in caso di problemi cardiovascolari.