Dicono i maestri di TaiJi: “Il Dantien è come una sfera d’aria nel ventre piena di energia” , è come un palloncino colorato con una piccola luce dentro. Daniela ci ha confessato che avrebbe desiderato catturare una lucciola invece di ricorrere ai led acquistati dai cinesi. Immaginava una luce che si accendesse e si spegnesse ad intermittenza, perché normalmente è così, luce e buio, bianco e nero, giorno e notte, yin yang, ma per ovvi motivi si è accontentata di piccoli led a pila.

“L’arte della vita insegna come accettare e raccogliere ogni evento, come sospendere il giudizio, come fare di avversità occasione, come riaccendere ogni volta una piccola luce di vita e curiosità”.

Il bambino non ha idea di cosa sia il dolore, la malattia, la morte, ha chiaro solo il concetto paura-terrore dell’abbandono. Di fronte alle avversità, dice Fata Ricotta, “Basta dire una parola, basta dirla e poi si vola, e se la dici in allegria, ti diventa una magia. Se poi , una cosa ti esce storta e a te non te ne importa, se ci metti un bel sorriso, ecco qua il paradiso”. Ad ‘ Artearsi per Giocare’, in tutto l’evento si è applicata questa regola direttamente mediata dai bambini e dalle filastrocche: “Non nascondere mai il dolore, la malattia, la morte, ma trasformarla in leggerezza.”
A quanto pare ha funzionato maledettamente bene.

A Fiuggi la Farmacia del Girotondo è nata nel 2001 appositamente per questo, per poter accogliere l’utente, solitamente malato o assistente di un malato, con un sorriso e una certezza di guarigione o almeno di tranquillo equilibrio quotidiano.

 

 

Artearsi per Giocare

1 Sfera Interna per la Salute

2 I ragazzi della BreakDance

3 Il TuiShou con Fabiano

4 I palloncini di Daniela,

5 “Ti ricordo così”

6 Sclerosi e il Disagio Mentale

7 Il Teatro di Luca

8 L’Asso di Ippocrate

9 Paolo e la Visione.

10 “Fatti una foto”

11 Film e Foto

12 La Tuta di Paolo

13 Un modulo da ripetere