«Credo che la Grammatica sia una Via di accesso alla Bellezza: quando parliamo, quando leggiamo, sappiamo riconoscere una bella frase o uno stile elegante, ma quando si fa grammatica si accede ad un’altra dimensione della bellezza. Fare grammatica serve a selezionarla, guardare come è fatta, guardare come è nuda, in un certo senso risulta chiaro che la grammatica è un accesso alla struttura e alla bellezza del linguaggio, non è solo roba che serve a cavarsela in società.» (Muriel Barneby, «L’eleganza del riccio»)

Minicorso  Grammatica del Movimento. Regola n. 4



Regola n.4: LA SPIRALE Asse centrale
La “forza a spirale” nasce energeticamente dal ventre (dantien) e organicamente dalle radici (Jing) viaggiando su tutte le articolazioni. Coinvolge l’intera colonna vertebrale, vertebra per vertebra, testa, collo, sacro, coccige, interno cosce, piedi. Immaginate di essere un serpente senza braccia, mani, e piedi.

A) Mantenendo l’allineamento cielo-terra, girare a testa a 45 gradi, a destra e a sinistra con un movimento continuo. Portare l’attenzione progressivamente sulle vertebre cervicali (1°-7°), poi alle dorsali, lombari fino al sacro e al coccige. Annotare come vengono coinvolte nel movimento torsivo.
B) Il movimento coinvolge i muscoli dell’interno coscia fino ,5e radici mentre la sommità del capo si estende ulteriormente verso l’alto.
C) Questo movimento permette di costruire quello che nel Bagua si chiama “il Drago” per dare origine al movimento a spirale. Annotare la differenza tra diverse “linee di forza”, (i raggi che viaggiano a spirale sulle articolazioni dal basso verso l’alto, l’energia che si svolge dal centro alla periferia nelle sei direzioni

Le 'clip' sulle prime 5 Regole di Grammatica del Movimento sono estratte dall'opera del Maestro Delio Murru dedicata all'insegnamento del  Bagua Zhang Passo passo". Il video completo (circa 3 ore) è disponibile su pennetta USB facendo richiesta a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.,  Prodotto dal Sentiero Infinito in collaborazione con le Bestie dell'Etna